Il bello degli eventi e dei tornei di Yu Gi Oh e Magic: the Gathering

Introduzione: pianeta Hobby e la lunga esperienza nel mondo dei giochi

pianeta hobby tornei ed eventiSiamo ormai da anni impegnati nell’organizzazione di eventi e tornei relativi a giochi come Yu Gi Oh game o Magic the Gathering e altri giochi di carte collezionabili simili. La nostra esperienza in questo campo è ormai consolidata e per questo abbiamo deciso di offrire ai nostri lettori alcune riflessioni importanti su questo tipo di eventi e sui giochi dai quali prendono vita. Le riflessioni potranno essere utili a genitori che cercano di capire meglio il fenomeno poiché hanno figli appassionati oppure possono servire agli appassionati stessi per essere più consapevoli delle conseguenze pratiche delle proprie passioni. Speriamo di rendervi un gradito servizio con questo articolo.

Se volete consultare la nostra pagina dedicata agli eventi cliccate qui. Se siete appassionati di giochi di carte collezionabili scopriteli, con le nostre recensioni. Se invece volete vedere dov’è il nostro negozio a Milano, cliccate qui. Se volete andare sul nostro store online, ecco il link.

Cosa c’è prima degli eventi e tornei di Yu Gi Ho! Tcg e Magic the Gathering

giocare filosofia gioco eventi torneiPrima di poter capire quanto e perchè siano importanti gli eventi di gioco (tornei e convention di collezionisti) legati al famosissimo gioco Yu Gi Oh o Magic the Gathering, dobbiamo fare un passo indietro e acquisire alcuni elementi legati alla realtà del gioco in generale. Una volta compresi gli effetti generali del giocare, potremo anche capire bene quali siano gli effetti specifici di giocare a Yu Gi Oh tcg o Magic (o altri simili) durante un evento o un torneo del gioco.

Il gioco: cosa è e cosa non è

dipendenza internet giocare e non giocare eventi torneiPrima di tutto dobbiamo escludere dalla parola gioco alcuni fenomeni che vengono comunemente chiamati così ma non sono giochi. Il gioco d’azzardo, ad esempio o il gioco solitario al computer. Tutti lo chiamano “gioco” ma noi ci rifacciamo alla definizione del gioco e alla teoria per cui un gioco è sempre relazionale, ovvero è una attività che si svolge fra almeno due persone.  Per questo un gioco al computer da soli o premere i pulsanti di una slot machine non è propriamente un gioco, è un passatempo, un qualcosa di divertente che ci assorbe (a volte in modo anche pericoloso). Se non abbiamo un compagno o un avversario di gioco, non stiamo giocando. Perciò, ogni volta che parleremo di gioco, lo faremo nel senso nobile della parola: gioco come momento di relazione con qualcuno.

Il valore dei giochi in generale

Tutti amano giocare, ma non tutti conoscono il valore profondo del gioco (inteso nel senso che abbiamo appena detto: relazionale). Sarebbe anzi meglio parlare di valori profondi, poiché si parla di una sfilza di vantaggi che il giocatore riceve semplicemente giocando. E stiamo parlando in generale, di qualsiasi gioco. Per non farla lunga (e volendo si potrebbe perché c’è molta letteratura in merito) il gioco ha come effetti prevalenti quello di indurci a capire un sistema di regole e quindi ci fa fare uno sforzo cognitivo razionale. Poi ci induce a rispettare il sistema di regole, quindi ci porta ad uno sforzo etico, perché il rispetto delle regole condivise è lo stesso che si riflette su quelle sociali e sulle leggi dell Stato. Ancora ci induce a immaginare e immedesimarci in una realtà temporanea e inesistente e, perciò, ci porta ad uno sforzo di immaginazione. Per opposizione poi, ci aiuta a distinguere tra reale e immaginario.

I giochi a computer (playstation, giochi in rete e simili) e i loro danni

Bimbo-pronto-soccorso-playstationUna dovuta precisazione sui non-giochi al computer, ossia su quelle attività che non sono in realtà giochi ma che per tali vengono spacciati. Le console, come playstation e simili, non hanno le suddette importanti caratteristiche del gioco e pertanto non producono gli effetti positivi di cui parliamo e sono escluse da questo discorso.

I giochi di gruppo e i loro vantaggi

Sono invece al centro del nostro discorso i giochi di gruppo che vengono svolti da diverse persone nello stesso ambiente. Come ad esempio i giochi da tavola e i giochi sportivi, perché sono quelli che producono una relazione completa (coinvolge tutti i sensi) con gli altri attori del gioco. Diciamo questo per distinguere il gioco di gruppo così inteso con i giochi multiplayer al computer: anche quelli sono giochi e hanno tutte le caratteristiche necessarie ma non coinvolgono i giocatori in modo completo. Non possiamo toccare, vedere, ascoltare i nostri compagni di gioco e pertanto sono giochi che, sul piano sociale, sono poveri, deboli.

I giochi di carte collezionabili e i loro vantaggi

giochi di carte collezionabili, yu gi ho, eventi torneiEcco che finalmente possiamo capire i grandi vantaggi dei giochi da tavola, fra cui spiccano i giochi di carte collezionabili come Yu Gi Oh! o Magic The Gathering e gli altri giochi di carte similari. Un gioco da tavola infatti viene svolto da persone fisicamente nello stesso luogo e questo produce una relazione “ricca” poiché coinvolge tutti i sensi (relazione estetica piena). Inoltre induce i partecipanti a conoscersi, a superare le barriere di timidezza e asocialità e spinge quindi i giocatori a socializzare e comunicare. Ancora, questi giochi hanno dei regolamenti spesso complessi, per cui giocare potenzia le competenze mentali. Un non-gioco al computer ha infatti un regolamento complicatissimo ma è il computer a svolgere tutti i calcoli per limitare l’azione del giocatore (ovvero fargli rispettare le regole del sistema). Un gioco da tavola invece richiede ai giocatori un intenso uso del cervello: svolgimento di calcoli, confronto fra azioni e regole per stabilire quali azioni siano lecite, evocazione di immagini mnemoniche e altre attività cognitive. Entrando poi nel mondo degli eventi di giochi di carte collezionabili come i tornei di Yu Gi Oh! o Magic the Gathering e altri giochi di carte collezionabili simili, si aggiunge a quanto detto tutto il potenziale che un gioco esprime nel momento in cui tanti appassionati sono riuniti per dare sfogo alla propria passione. La competitività spesso passa in secondo piano: discussioni sulle migliori strategie, confronto fra tattiche e utilizzo dei propri mezzi di gioco, confronti fra le collezioni, insomma tante chiacchiere e momenti di amicizia che ruotano intorno alla passione comune.

torneo magic yu gi oh giochi carte collezionabiliE poi perché non citare il piano emotivo che viene coinvolto nei tornei e negli eventi: l’euforia del gioco, la felicità per una tattica ben riuscita, l’attesa fibrillante della propria carta preferita, la rabbia e la difficoltà di imparare a subire una sconfitta, infine la gioia esuberante della vittoria. Queste occasioni sono scuole di vita: impariamo a gestire le emozioni in un contesto protetto e senza reali conseguenze.

giochi per il cervelloEcco perché, fra i tanti modi di occupare il proprio tempo, fra le tante passioni, riteniamo che quella nei confronti dei giochi di carte collezionabili, delle convention, dei tornei e degli altri eventi collegati, sia una passione non solo buona e sana, ma anche educativa e che favorisce la crescita delle persone sul piano mentale e sociale. E voi, cosa ne pensate? lasciateci un commento, se volete.

Nel salutarvi vi lasciamo con un paio di video presi dal nostro canale You Tube, tanto per farvi vedere l’atmosfera che si respira e l’emozione che c’è quando organizziamo un torneo. Buona visione.


5 risposte a “Il bello degli eventi e dei tornei di Yu Gi Oh e Magic: the Gathering”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.