La storia del peluche e dei materiali di produzione | dalla stoffa alle plastiche tossiche e gli acquisti di qualità

Pianeta Hobby ed il mondo del peluche

Abbiamo deciso di dedicare alcuni articoli al mondo del peluche. L’articolo che state leggendo riguarda la storia del peluche, invece cliccando sul link potrete leggere l’articolo che riguarda il nostro negozio di Peluches a Milano, infine qui troverete un articolo sui rischi connessi all’acquisto di peluches di scarsa qualità. Abbiamo deciso di dedicare alcuni articoli al mondo del peluche perché riteniamo che questo tipo di giocattolo sia, in tempi virtuali di consolle e internet, qualcosa che non debba mai essere dimenticato per le sue proprietà affettive e per il valore tangibile che ha per i piccini e, a volte, anche per i più grandi.

I peluches come giocattolo

Il Peluche è un universale del giocattolo, almeno nel nostro periodo storico. Non c’è persona  che, durante la sua infanzia, non abbia assaporato l’intimo piacere di torcere le orecchie del proprio pupazzo peloso o non sia stato accompagnato nel mondo dei sogni da questi teneri amici. Non c’è bambino che tramite una nonna, uno zio, un amico del babbo o della mamma non abbia prima o poi ricevuto un bel peluche. Bill Watterson, con il suo Calvin e Hobbs, ci offre una perfetta rappresentazione dell’intimo legame che un bambino è in grado di stabilire con il suo peluche. Esso diventa di volta in volta amico o nemico nelle storie immaginarie, eroe che risolve la situazione o vittima da salvare. Per noi i peluches sono un’acquisizione ormai così scontata che è quasi impossibile immaginare un bambino che non abbia mai avuto il piacere di stringere un animale di stoffa tra le braccia. Eppure esso è un invenzione relativamente recente. Non bisogna confondere il vero peluche di stoffa con i molti simulacri animali che, nel medioevo e probabilmente anche molto prima, erano tra i gichi dei bambini di tutte le epoche. Essi erano spesso realizzati con materiali rigidi e con raffigurazioni truci, e soprattutto servivano a mettere in guardia il bambino dai pericoli di una natura ancora indomabile per l’uomo. Non è un caso che il peluche sia fiorito nell’ottocento, il secolo in cui l’uomo occidentale ha definitivamente siglato il suo dominio sulla natura ed ha perciò potuto abbandonare gli antichi timori e iniziare a raffigurare gli animali in modo tenero e morbido, non più come fonte di pericolo ma come fonte di affetto. Infatti l’orso, da belva feroce, si trasforma in quel dolcissimo peluche per eccellenza che tutti conosciamo.

Breve storia del peluche

Pare che l’antesignano più riconoscibile del moderno peluche sia da ricercare in una invenzione della signora tedesca Margaret Steiff che, sul finire dell’Ottocento, inizia a realizzare cuscini a forma d’orsetto.

La reazione è inimmaginabile. I bambini ne sono conquistati in modo irrefrenabile e la moda di questi orsacchiotti si diffonde con rapidità eccezionale. La fantasia deve aver spinto, come è giusto, i bambini a fare il passo successivo. La signora produceva solo cuscini, guanciali per la notte. Ma i bambini probabilmente non potevano certo tollerare di lasciare i loro amici nel letto ed è verosimile che li abbiano trascinati fuori dalla camera nei propri giochi. Infatti il mondo dell’industria non ha tardato a cogliere la potenzialità ed è così che alla Fiera del Giocattolo di Lipsia del 1903 il semplice cuscino della signora Steiff è ormai diventato il vero e proprio orsacchiotto che conosciamo. Questo ingresso rappresenta perciò il passo verso la produzione industriale su larga scala che, di lì a poco, inonderà il mondo occidentale.

I peluches di oggi: rischi della modernità

Da quel momento i peluches conoscono una fortuna intramontabile. Si moltiplicano produttori, modelli, materiali utilizzati. La diffusione di questo giocattolo, soprattutto in epoca recente, ha però presentato per la prima volta una serie di rischi connessi al risparmio sui materiali e alla selezione delle sostanza per la produzione del peluche. Un ulteriore peggioramento della situazione è dovuto all’ingresso sul mercato della massiccia produzione industriale cinese, spesso realizzata con plastiche di risulta

Addirittura, secondo un’inchiesta realizzata da Report a proposito dei giocattoli cinesi, oggi in Italia vengono importati moltissimi prodotti realizzati usando plastiche industriali ricavate da coperture per serre utilizzate in agricoltura. Plastiche illegali e intrise di sostanze tossiche. Vedere per credere: questo video di report ce lo mostra.

Questi fattori contribuiscono a creare la necessità di distinguere i peluches di qualità, realizzati con materiali sicuri e controllati, dai peluches di fattura ignota che possono arrivare da qualsiasi fonte ed esser stati realizzati con qualsiasi sostanza. Non è raro che i bambini li mettano in bocca o stiano diverse ore, durante la notte, a contatto con la stoffa di cui il peluche è ricoperto. Per non parlare del fatto che possono respirare ciò che è contenuto nell’imbottitura.

Nel prossimo articolo cercheremo di tracciare qualche linea guida per evitare rischi e acquistare peluches sicuri per i nostri bambini.

Il gioco di carte Yu Gi Oh!

Il meraviglioso mondo delle carte Yu Gi Oh!

Il gioco di carte Yu Gi Oh! è sicuramente un grande successo della Konami che, realizzando questo card game ha messo a segno un notevole centro. Per noi che ci occupiamo da anni anche di vendita carte yu gi oh è un piacere cercare di dare una descrizione del gioco. Nel post precedente (vai a yu gi oh gioco) abbiamo visto qual è la storia di questo fenomeno e in altri due post pubblicheremo una vera e propria recensione completa (vai a  yu gi oh card game 1 e yu gi oh card game 2). Adesso vogliamo cercare di capire i motivi del successo commerciale del gioco. Al di là del nome, che forse è poco pratico (basti pensare che le ricerche su internet sono effettuate con diverse storpiature come Yugi, Yugiho, yugi ho, etc) il gioco in se stesso offre, per gli appassionati di giochi di carte collezionabili, notevoli lati affascinanti. Questo tipo di giochi sono arrivati al grande pubblico con il successo di Magic the Gathering ma la Konami, con il suo Yu Gi Oh! ha davvero trovato un nuovo stile per appassionare i suoi fans. Non solo ha accoppiato il gioco di carte collezionabili con il fumetto e il cartone animato, in modo da ampliare molto la vastità del suo universo, ma anche perché è riuscita ad imitare lo stile organizzativo di Magic coordinando eventi e tornei in tutto il mondo. Quindi da un lato il gioco ha meccanismi simili, ma dall’altro l’universo di Yu Gi Oh! è molto più vasto.

Perché Yugi e non Magic?

Molti appassionati di carte collezionabili, soprattutto quelli ormai esperti che spesso provengono dall’esperienza esaltante di Magic, se non hanno ancora intrapreso la strada del Yugi, non sanno perché questo gioco ha un sapore speciale. In fondo all’apparenza sembrano molto simili: entrambi i giochi hanno un deck di carte, una collezione sterminata, carte rare e un intricato sistema di gioco capace di soddisfare i notevoli cervelli che vi si applicano. Ma Yu Gi Oh ha un elemento non trascurabile: mentre Magic si legava ad un immaginario favolistico e mitico (un grande universo fantasy, insomma), la Konami, le infinite Yu Gi Oh card e i deck yugioh attingono al panorama Manga e all’infinita serie di emozioni, aspirazioni e fascinazioni offerte dal mondo del fumetto giapponese. Questo riferimento è molto più vivido, è di moda, ed ha garantito al prodotto un successo senza precedenti. Attualmente in ogni classe di ogni scuola elementare, all’intervallo, vedi girare i ragazzini con mazzi per montare sfide esaltanti a colpi di attacchi con nomi incredibili.

Il fenomeno commerciale: dall’acquisto di singole carte, deck e mazzi, fino a intere collezioni

Questi già sarebbero elementi sufficienti a spiegare perché il mondo di Yu Gi Oh è fiorito presso un vasto pubblico di ragazzi giovani. Tuttavia, sapendo che i ragazzi non sono certo dotati di un portafoglio molto pingue, non spiegherebbe il fenomeno commerciale che sta progressivamente dilagando. Il fatto è che il mondo dei Manga giapponesi è davvero penetrato a fondo nell’occidente e, persone di tutte le età e sesso si appassionano moltissimo a questa ambientazione. Pertanto ci sono moltissimi collezionisti che si sono accostati a queste carte anche solo per il valore emotivo e grafico, altri per la passione di collezionare un prodotto che col tempo acquisisce valore (e direi non poco: ci sono persone che effettuano acquisti di carte rare e rarissime, spendendo migliaia di euro, perché sanno che fra qualche anno potrebbero aver raddoppiato o triplicato l’investimento!).

Quindi le carte Yu Gi Oh sono diventate un prezioso investimento proprio perché sono state ricercate al di là del gioco e dell’utilizzo da una folta schiera di appassionati del mondo del fumetto giapponese.

Noi di Pianeta Hobby siamo diventati un punto di riferimento per i collezionisti proprio perché abbiamo saputo seguire lo sviluppo di questo universo fin dai suoi albori e ci ritroviamo in possesso di pezzi rarissimi e collezioni pregiate di carte Yu Gi HoSe sei interessato a conoscere meglio questo mondo o sei già un appassionato sei nel posto giusto! Vieni ad acquistare carte Yu Gi Oh nel nostro negozio on line: Pianeta Hobby è infatti un sito di vendita carte Yu Gi Oh tra i più famosi e sicuri.

Il gioco Yu Gi Oh! o come dicon tutti Yugi ho (parte I) e le carte in vendita

Yu-gi-oh! Ovvero come arrivare dal fumetto al card game

Quasi tutti oggi conoscono il gioco Yu Gi Oh grazie all’incredibile successo commerciale del gioco di carte collezionabili. Le molte carte yu gi oh in vendita le trovate anche nel nostro store on line (vedi anche carte singole con il prezzo carta yu-gi-oh).

Ma forse non tutti sanno come è nato questo fenomeno. Yu Gi Oh significa “re del gioco”, ed è un titolo apparso per la prima volta come manga giapponese. L’autore Kazuki Takahashi aveva scritto un soggetto incentrato su personaggi che si sfidano a colpi di carte da gioco. Nella storia il gioco era stato inizialmente chiamato Magic & Wizards, poi diventato Duel Monsters nel cartone animato (anime). I personaggi acquistavano ed assemblavano un mazzo di carte fatto di mostri, trappole, magie e lo utilizzavano per innescare avvincenti battaglie. Chi ha conosciuto Magic The Gathering non può non riconoscere (perfino nel nome) l’ascendente di questo famosissimo gioco di carte collezionabili, il primo che abbia raggiunto un successo planetario. Anche le date coincidono: Yu-Gi-Oh esordisce nel 1996 come fumetto e, qualche tempo dopo, diventa anche un cartone animato.

Il successo si misura facilmente con le cifre: solo in Giappone l’incasso ammonta a due miliardi di dollari con il manga, tre miliardi per le carte collezionabili, sette milioni di videogames venduti e ventisei milioni di copie di tonkabon. (Leggi l’articolo sulle carte yu gi per scoprire i motivi del successo commerciale del gioco Yu Gi oh!)

Yu Gi Ho come gioco di carte

Noi di Pianeta Hobby ci occupiamo principalmente di giochi collezionabili, perciò non approfondiremo il discorso sul versante manga e anime. Entrando invece nello specifico del mondo delle carte collezionabili ovvero di Yu Gi Oh Trading Card Game, possiamo notare come sia già un vero e proprio fenomeno. Pubblicato in più di 40 paesi e tradotto in numerose lingue, nel 2009 è entrato nel Guinness World Record come gioco di carte collezionabili che ha venduto più carte in tutto il mondo, battendo così il suo predecessore Magic the Gathering.

L’infinita vastità del mondo di carte collezionabili Yu Gi Oh!

Non è possibile qui esporre tutta l’infinita vastità delle carte yu gi oh con tutte le diverse serie pubblicate nelle varie espansioni del gioco Yu Gi Ho, i vari deck yugioh, i duelist pack (un particolare tipo di espansione), i mazzi tematici, gli structure deck, e le carte in edizione limitata (promo), ed a questo scopo rimandiamo in questa pagina che comprende un esaustivo elenco di tutto ciò che è stato pubblicato in Italia e negli States.

Come curiosità per collezionisti bisogna sapere che la carta più rara, l’eldorado dei collezionisti è “Tyler the Great Warrior”, una carta stampata in copia unica che è stata prodotta per un bambino di nome Tyler Gressle. Tyler è infatti riuscito a sconfiggere una gravissima malattia ed è stato così eletto ad esempio (great warrior) per dare speranza a tutti i bambini e ragazzi in situazioni difficili.

Ma al di là di questa carta che è chiaramente fuori da ogni logica di commercio (anche se probabilmente potrebbe essere valutata decine di migliaia di euro, forse centinaia..) il mondo del collezionismo è letteralmente entrato in fibrillazione intorno a Yu Gi Oh e fra i tanti giochi di carte collezionabili, Yu Gi Oh! rappresenta ceramente un successo. Attualmente Pianeta Hobby offre una vastissima scelta di pacchetti di carte rare, carte singole, oltre che espansioni, pack, deck e mazzi tematici. Insomma per un collezionista che cerca carte yu gi oh in vendita il nostro negozio on line di carte del gioco Yu Gi Oh è un vero paradiso. Venite a trovarci!

Lego: le serie più ricercate di costruzioni Lego per collezionisti

Lego: serie esclusive ed edizioni speciali

Molti sono gli amanti delle costruzioni Lego, ma forse non tutti sanno quanto è vasta la produzione di giocattoli della Lego. Certo, le serie famose come Duplo o lego Technic e le altre serie principali le conoscono tutti. Ma forse non tutti sanno che esistono alcune serie di confezioni poco distribuite che sono la gioia del collezionista. Ad esempio pochissimo conoscono lo strepitoso Lego Shuttle Expedition, una confezione di ben 1204 pezzi per costruire uno space shuttle realistico, curato nei minimi dettagli. Ma questo è solo un esempio di confezione rara per specialisti. Che dire della Tower Bridge, o del curatissimo Villaggio Medievale, o della riproduzione fedele del mitico furgoncino Volkswagen? Insomma, il panorama delle costruzioni Lego è ben più vasto di quanto si possa immaginare e per gli amanti di questa marca non c’è sorpresa più bella di scoprire una confezione sconosciuta e, dopo averla acquistata, poter montare un pezzo così raro.

Lego: i tesori dei collezionisti all’interno delle serie

Altro discorso va fatto per le serie famose di costruzioni Lego. Infatti la serie è nota, certo, ma il vero collezionista ne conosce i recessi più profondi, le confezioni più sconosciute. Anche i non appassionati della Lego sanno dell’esistenza di serie che sono entrate nei principali negozi di giocattoli come Lego Minifigures e Lego Star Wars, o le relativamente recenti confezioni di costruzioni Lego Pirati dei Caraibi o Lego Harry Potter. Ma all’interno di queste serie ci sono delle confezioni davvero strane e allettanti, che sono molto difficili da trovare poiché la maggior parte dei rivenditori non ritiene siano di grande interesse per il pubblico e perciò rimangono per lo più sconosciute. Per esempio chi non ha visto la meravigliosa confezione del Millenium Falcon della Lego o quella dello Starfighter di Luke Skywalker? Ma può il vero collezionista non aver visto la confezione della Morte Nera? O quella, ancor più difficile da trovare, del caccia di Obi Wan? Insomma, tanto per l’amante fugace della Lego quanto per il collezionista appassionato, uno dei piaceri è scoprire quante siano le confezioni sconosciute ed incredibili.

Pianeta Hobby: il tuo negozio on line per comprare Lego

E che dire di Lego Pharaoh’s Quest, o Lego calendario dell’avvento e perfino dei Lego Portachiavi? Potremmo andare avanti all’infinito ma forse dobbiamo proprio chiedere perdono. Vogliamo scusarci con il nostro pubblico perché la passione per il collezionismo ci porta a diventare fanatici. Speriamo che ci perdoniate di essere così pignoli da spulciare ogni catalogo in commercio e fuori commercio per scovare ogni confezione esistente. Speriamo abbiate benevolenza per la nostra euforia quando scoviamo una confezione fuori commercio e la portiamo nel nostro negozio. Chiediamo scusa per essere così appassionati da sapere il numero di pezzi di ogni confezione rara. Vi prego, perdonateci di aver riempito il nostro sito Pianeta Hobby con una marea di confezioni e pacchetti. Insomma ci dispiace di aver lavorato così duramente per mettere a vostra disposizione on line (o nel nostro negozio di Milano) tutte le confezioni più rare e speciali che la Lego abbia mai prodotto.

Ora è il momento di ascoltare le vostre impressioni: fate un giro nelle pagine dedicate alla Lego nel nostro sito e diteci cosa ne pensate della nostra collezione. Avete provato l’emozione di montare la morte Nera e volete condividerla con altri collezionisti? Scriveteci un commento. Avete pezzi più rari dei nostri? Postate l’immagine come commento. Avete notato che a noi manca una confezione rara? Segnalatecelo. Insomma parlateci del vostro mondo Lego.

Lego: dai famosi Duplo e Lego Technic alle costruzioni Lego per collezionisti

Duplo e Lego Technic

Lego è un marchio che, nei decenni, ha consolidato la sua fama e la sua fortuna perché ha saputo interpretare due elementi insiti nel gioco e li ha inseriti al centro della sua produzione. Il primo elemento riguarda l’educazione. Il gioco non è perdita di tempo, è sviluppo della mente. Se poi un giocattolo è progettato appositamente per favorire questo sviluppo, i soldi spesi nel giocattolo, sono soldi spesi per il bene dei propri figli, oltre che per il loro divertimento. L’altro elemento riguarda la diversità di carattere delle persone e lo sviluppo dell’intelligenza nelle diverse fasi della vita. Non siamo tutti uguali e il tempo muta i nostri interessi. Lego ha saputo combinare questi due elementi in modo speciale. Ha creato un giocattolo che allena la mente e si rivolge a tutte le persone e tutte le età. Una persona, grande o piccola che sia, che gioca con i Lego si trova davanti all’infinita ricchezza di combinazioni, alla libertà di seguire o meno le istruzioni, alla possibilità di edificare mondi immaginari. Inoltre l’ampia varietà di proposte accontenta tutti: c’è chi sogna lo spazio, chi i pirati, chi il Far West e chi i cavalieri e i draghi. Non è un caso però, che fra tutte le serie proposte dalla Lego, Duplo e Lego Technic abbiano riscontrato il maggior successo. La prima perché si rivolge al pubblico più avido di giochi intelligenti: i bambini piccoli. La seconda perché si rivolge ad un pubblico più esigente: gli adulti intelligenti. Queste due serie Lego sono diventate perciò le serie più note e vendute.

Il mondo delle costruzioni lego per collezionisti

L’enorme fama delle serie più commerciali ha però oscurato un aspetto dell’offerta Lego che, a giudizio di tutti gli amanti di questi giocattoli, è altrettanto degno di essere notato. Lego ha infatti elaborato moltissimi modelli, confezioni, e serie diverse e fra le tante ce ne sono alcune che sono ricercatissime dai collezionisti e dagli appassionati. Come un buon vino d’annata di cui rimangono poche preziose bottiglie, così ci sono confezioni rare e speciali che accendono di gioia gli occhi di un vero amante della Lego. Il collezionista Lego è un amante delle serie che hanno prodotto pochi esemplari o delle confezioni che, per diversi motivi, pochissimi hanno in commercio e sono quindi difficili da reperire. Il collezionista prova un brivido di piacere, quando riesce a mettere le mani su qualcosa del genere. Ma questo piacere non è riservato solo al collezionista, poiché anche l’amante Lego che ha sempre acquistato i prodotti più commerciali, quando scopre alcuni di questi pezzi speciali, riesce perfettamente ad apprezzarne la bellezza.

Il nostro negozio on line per comprare Lego e altri giocattoli vi aspetta

Noi di Pianeta Hobby siamo specializzati in prodotti per collezionisti poiché comprendiamo bene quanto sia piacevole appropriarsi di ciò che è raro. Per questo motivo ci rivolgiamo a tutti coloro che sentono di essere dei collezionisti Lego (o quelli che vogliono iniziare ad esplorare questa dimensione da intenditori di Lego). Vogliamo invitarvi a dare un’occhiata alle collezioni del nostro negozio on line, oppure, per chi fosse vicino Milano, vi invitiamo a venire di persona nel nostro negozio per esplorare le nostre collezioni Lego dal vivo. Non trattiamo Duplo e Technic proprio perché sono serie commerciali, chiunque può trovarle ovunque. Noi abbiamo i Lego più rari, le costruzioni per collezionisti. Siamo infatti fieri di poter affermare che siamo specialisti in questo campo, abbiamo selezionato i pezzi migliori ed offriamo una selezione delle confezioni più difficili da trovare, le più ricercate e particolari creazioni della Lego.