Grande notizia per gli amanti dei puffi: nuovo film nel 2013 e 8+6 nuovi puffi Schleich

i puffiEbbene sì, i puffi sono irresistibili, ma è comprensibile. Chi conosce la loro dolcezza capisce perché ogni bambino è affascinato da questi buffi ometti blu. E noi che siamo collezionisti sappiamo che chi fa collezione non vede l’ora di vedere e comprare i nuovi modelli della Schleich. In anteprima vi mostriamo anche i nuovi modelli collegati all’ imminente uscita (settembre) del nuovo film di animazione “i Puffi 2” che saranno disponibili a partire da Maggio. In questo articolo vogliamo parlarvi perciò del mondo dei puffi da collezionisti, del nuovo film e dare qualche elemento di storia dei puffi. Buona Lettura.

Collezioni dei Puffi Schleich e il nostro catalogo puffi

modelli di puffiDalla loro nascita ad oggi sono molte le figure e le situazioni in cui ritroviamo i nostri piccoli amici in forma di giocattolo per i bambini. Ma senza dubbio alcuno le più famose ed apprezzate fra tutte le loro apparizioni in forma materiale sono i pupazzetti in plastica dura alti 4 o 5 centimetri che, a tutti gli effetti, hanno popolato e animato la cameretta di ogni bambino. E non stupisce che quando quei primi bambini sono cresciuti, siano apparsi puffi nei luoghi più impensabili. Negli uffici, nelle sale d’aspetto, nelle cartelle dei ragazzi, a scuola… puffi ovunque e chi vi scrive ha una sua mensola casalinga con un Gargamella che insegue una Puffetta (Gargamella sono io, la Puffetta è la mia dolce metà).

E veniamo al paragrafo che più interessa il collezionista.

Schleich-LOGONon tutti sanno che la Schleich, ovvero l’azienda che produce la versione ufficiale dei puffi, ogni anno lancia un set limitato di nuovi modelli. Solo otto Puffi. Otto preziosissimi puffi nuovi che vanno ad ampliare la collezione dell’appassionato. Ma anche quest’anno, dopo l’esperimento legato al film del 2011, la Schleich ripropone il collegamento fra film e nuovi modelli. Perciò quest’anno, oltre agli otto nuovi modelli classici, avremo una nuova serie di sei modelli legati al film.

Qui puoi trovare la Serie completa di 8 personaggi dei Puffi 2013

Infine qui puoi vedere, in esclusiva, la serie completa di 6 personaggi nuovi che usciranno a maggio.

Infine se vuoi consultare il nostro catalogo dei puffi clicca qui.

Chi sono i puffi?

Un po’ di storia dei Puffi a beneficio di chi vuole saperne un poco in più.

peyo e un puffoC’è un aneddoto interessate sul nome. Sembra che questo termine “Schtroumpfs” sia nato durante una vacanza. Peyo, seduto a tavola con amici, vuole chiedere ad uno di loro di passargli la saliera ma, non riuscendo sul momento a ricordare il nome, dice: “passe moi le… schtroumpf (che tradotto in italiano verrebbe ad essere “Passami il… Puffo”. Resosi conto della cosa scoppia a ridere e l’amico rispondendo a tono avrebbe detto: “Ecco il tuo puffo. Quando avrai finito di puffare, ripuffalo al suo posto!”  Dalla casuale e divertente gag sarebbe nata una maniera di scherzare fra loro e, dopo aver ripetutamente giocato sul nome, alla fine Peyo ha deciso di usare questo divertente nome e l’espediente di sostituirlo ad altri termini. Così nasceva non solo il nome ma una caratteristica profonda dei puffi

Peyo decide di inserire i suoi nuovi personaggi come comparse di una striscia di John e Solfami, cui era autore. Perciò in origine gli ometti tutti blu sono apparsi nel 1958 come personaggi minori che incontrano  i due protagonisti (appunto John lo scudiero e Solfami il giullare) nella foresta. Appaiono così gli Schtroumpf, in italia tradotti con Puffi.

un puffo neroL’autore però deve aver percepito ben presto il fascino di questi piccoli personaggi tanto che si è in seguito adoperato per dedicargli una pubblicazione autonoma. Ed ecco che l’anno successivo (1959) Peyo sforna, all’interno della stessa rivista una serie di puntate intiolate Les Schtroumpfs noirs, in italiano “I Puffi neri”. Qui può dedicare tutto lo spazio che desidera per descrivere i diversi puffi e la loro vita nel villaggio immerso in una foresta. Puntata dopo puntata arricchisce la loro ambientazione e il loro successo notevole conduce alla realizzazione del primo film, una animazione di 90 minuti in bianco e nero dal titolo “Le avventure dei Puffi”, film che però non riscuote particolare successo. Ma con il passare degli anni gli adorabili ometti entrano nella cultura popolare ed è per questo che nel 1976 esce un nuovo lungometraggio, dintitolato Il flauto a sei Puffi e poco dopo (agli inizi degli anni ’80) viene prodotta da Hanna-Barbera la serie televisiva di cartoons che tutti conoscono.

locandina film puffi 2011Infine, e siamo al presente, nel 2011 i puffi hanno fatto il loro ingresso nel mondo del cinema 3d in animazione digitale. Il primo episodio è stato un successo completo. Negli USA ha infatti incassato più di settanta milioni di dollari in due settimane e, facendo il conto totale in tutto il mondo, ha incassato ben 130 milioni di dollari. Le cifre esprimono il gradimento del pubblico, la passione per i puffi è scoppiata in tutto il mondo a testimoniare quanto siano ancora amati i piccoli ometti blu inventati da Peyo. Perciò il produttore del primo film Jordan Kerner, apre il nuovo cantiere e si prepara a farci gustare un secondo episodio.

A proposito del nuovo film di animazione in 3D “ i Puffi 2”

Il film Puffi 2: l’ultima puntata in 3d

locandina film puffi 2 2013Perciò amanti dei puffi preparatevi! Il 2013 ci riserva una graditissima sorpresa: sta per uscire il secondo grande film dei Puffi, chiaramente anche questo in animazione digitale e preparato per una visione con occhiali 3d. I piccoli ometti blu saranno nelle sale a Settembre 2013. Il film, intitolato “i Puffi 2” vedrà i nostri eroi alle prese con una nuova avventura: Gargamella rapirà Puffetta e la porterà a Parigi! Per avere qualche informazione in più sul film potete cliccare qui.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>