Vampire: The Eternal Struggle – Trading Card Game | Il gioco di carte collezionabili

logo vampire tcgLa recensione Vampire: The Eternal Struggle si inserisce nella sempre più corposa lista di nostri approfondimenti sui giochi di carte collezionabili ed era inevitabile, visto il suo successo e la singolare dinamica di gioco che lo contraddistingue rispetto agli altri. Pianeta Hobby è lieta di offrirvi la recensione di Vampire: The Eternal Struggle tcg, un gioco di carte collezionabili tra i più complessi e più affascinanti in commercio.

Purtroppo questa volta non troverete un box per il download gratuito del regolamento perchè non siamo riusciti a reperirlo in formato digitale. Anzi, se qualcuno ne avesse una copia ce la spedisca a info@pianetahobby.it. Buona lettura.

Storia

carte di vampireVampire: The Eternal Struggle è stata una scommessa vinta da Richard Garfield, che tutti voi conoscerete come l’ideatore di Magic! il primo e più famoso gioco di carte collezionabili al mondo. Tuttavia il riferimento al primo e più celebre trading card game non è casuale: Vampire: The Eternal Struggle ne condivide l’anzianità, essendo nato nel 1994 come background dell’omonimo gioco di ruolo. Lo stesso dicasi per la casa di produzione, la Wizards of the Coast che solo più tardi cederà i diritti di un gioco ormai apprezzatissimo da pubblico e critica alla White Wolf, già casa di produzione del gioco di ruolo “Vampire: the Masquerade“. Questo gioco di carte collezionabili, online noto anche come VTES, ha avuto dal suo esordio con la Wizards con la serie Jyhad un successo sempre più riconosciuto ed un numero di espansioni che ne hanno ancor più irrobustito la struttura. Andiamo a vedere di cosa si tratta.

Vampire: The Eternal Struggle tcg: Descrizione del gioco

Scheda breve

Nome completo: Vampire: The Eternal Struggle tcg – produttore: Wizards of the Coast/White Wolf (1994) – ambientazione: Horror – meccaniche: eliminazione, gestione risorse, votazioni – argomenti: combattimento, diplomazia/intrighi, influenza/fama, magia/alchimia – giocatori: 2/5 o n – durata media di una partita: 30 minuti – 2 ore circa – difficoltà: impegnativo (per giocatori esperti)

Vampire: The Eternal Struggle tcg, contenuto del gioco di carte collezionabili

Le carte collezionabili sono vendute in mazzi base e bustine di espansione

Vampire: The Eternal Struggle tcg: Descrizione

un vampiroVampire: The Eternal Struggle si delinea fin dal suo nome come un gioco di carte collezionabili di impianto horror. Abbiamo qualificato il game come profondo e complesso. Ebbene, l’impianto della storia di fondo è semplice ed in questo risiede la peculiarità di Vampire: The Eternal Struggle, nel suo dinamico rivelarsi durante una partita che come magma viene modellata dalle carte con la strategia dei giocatori e le molteplici tattiche fino a divenire un universo di gioco vasto e assai colorito. L’Eternal Struggle è la lotta eterna tra anziani Signori dei Vampiri, i Methuselah, assai potenti ed antichi. Il gioco è il consumarsi di una guerra di influenze tra Methuselah impersonati da ciascuno dei giocatori utilizzando, a loro insaputa, giovani vampiri che guerreggiano tra loro. L’abilità di manipolare orde di fedeli ed inconsapevoli pedine costituisce parte essenziale della dinamica del gioco Vampire: The Eternal Struggle. Le espansioni, oltre la ventina, hanno poi reso ulteriormente complesse le dinamiche di lotta, di costruzione dei Vampire deck. Si recensisce pertanto la costruzione del gioco base, tratto da Jyhad e si rimanda al regolamento contenuto in un deck base per maggiori approfondimenti.

Vampire: The Eternal Struggle tcg: le carte

una carta di vampire the eternal struggleVampire: The Eternal Struggle si presenta come la maggior parte dei giochi di carte di questo tipo, con giocatori che costruiscono i propri mazzi; tuttavia è bene fin d’ora ricordare che la scelta del tipo di mazzo da costruire e delle relative strategie ha la priorità rispetto al valore di singole carte. Così è bene distinguere anzitutto due componenti di ogni deck: la Cripta, dove risiedono le creature vampiro che verranno manipolate dai giocatori per danneggiare la propria preda di gioco; la Biblioteca, che è costituita dalle Vampire card che rappresentano l’insieme di azioni ed attività a disposizione per la partita. In particolare, tali azioni sono per la maggior parte dei vampiri sotto la propria influenza ed in genere si giocano se il vampiro dispone della disciplina richiesta dalla carta. Di solito non sono richiesti costi di lancio di una carta: nel caso opposto, vien richiesta una parte della propria influenza (detta pool) o di sangue vampiro. La pool oltre che una riserva di gioco è anche una riserva di vita del Methuselah (ossia il giocatore) ed è costituita da punti influenza: sono 30 ad inizio gioco e se un giocatore arriva a 0 perde la partita.

Il gioco dei mazzi

alcuni mazzi di vampireI modi con cui conseguire il successo sono molteplici e si concentrano, di base, sul definire tipologie di mazzi che rappresentano altrettante strategie di vittoria. Essi sono 6.

1 – Bleed / Stealth Bleed – mazzo che si concentra nel causare perdite dirette all’influenza della preda il più rapidamente possibile, o con bleed (ossia gli attacchi diretti alla pool di un giocatore) pesanti durante un momento di debolezza. Di solito questi mazzi si avvalgono di qualche carta che garantisca maggiori probabilità di passare le difese avversarie. Il modo classico è usare carte ‘stealth’;

2 – Combat / Rush – un mazzo che si basa sull’attaccare direttamente i vampiri degli avversari, rendendoli incapaci di agire, o distruggendoli definitivamente. Dopo che le difese dell’avversario sono state spazzate via si procede normalmente con bleed ripetuti. Questa tipologia di mazzo riesce anche a difendersi attaccando i vampiri dei propri predatori che rappresentano una minaccia;

3 – Politico – questo mazzo è orientato a sfruttare il sistema politico del gioco. Si concentra sull’avere molti voti grazie all’utilizzo di vampiri influenti (primogeniti, principi, conciliatori ecc… per la camarilla; vescovi, arcivescovi, cardinali per il sabbat). In questo modo è in grado di chiamare e far passare azioni politiche che comportano un danno per la propria preda.

4 – Build – mazzo che tenta di sopravvivere durante i primi turni di gioco mentre accumula risorse, in seguito controlla agilmente il tavolo grazie a queste. Queste risorse possono essere vampiri, grandi quantità di pool, voti o altre carte di gioco. Di solito è combinato con un altro stile.

5 – Intercept / Wall – questo mazzo, spesso combinato con il ‘combat’ o il ‘Build’, cerca di intercettare i vampiri della preda quando agiscono (e quindi probabilmente tenta di distruggerli). In alternativa, può essere un mazzo di difesa che lentamente costruisce la sua forza per la fine del gioco, utilizzando la sua capacità di intercettare che impedisce di essere espulsi nel frattempo;

6 – Toolbox – questo stile cerca di fare quanto più possibile di tutti gli stili di cui sopra allo stesso tempo, mescolando le carte proprie di ognuno di essi. quanto alle singole carte, per un esaustivo elenco aggiornato si veda il sito della casa madre o si consulti il database completo di tutte le carte tramite questo link.

Vampire: The Eternal Struggle tcg: svolgimento del gioco

una carta di vampireLo scopo del gioco di carte collezionabili Vampire: The Eternal Struggle consiste, come si è detto, nel divenire il signore Vampiro (Methuselah) più influente svuotando le pool dei Methuselah avversari. Ciò che contraddistingue questo gioco di carte collezionabili è tuttavia l’importanza del gruppo. Vampire: The Eternal Struggle infatti è un gioco che esprime tutte le sue potenzialità maggiori in una partita a cinque o sei giocatori, poichè è strutturato per valorizzare il gioco multigiocatore (multiplayer).

La dinamica multiplayer è basata sul considerare preda per ciascun giocatore l’avversario alla sua sinistra. L’eliminazione di un giocatore fa guadagnare al Methuselah vincitore un bonus di 6 punti influenza che vanno ad arricchire la propria pool, il bacino di influenza sui vampiri che consente di ottenere la Signoria sul campo di gioco. Ecco dunque che è fondamentale sostenere i giocatori deboli prede dei players più forti proprio al fine di consentire quell’equilibrio tale da predisporre la propria Signoria di gioco piuttosto che quella di altri. Elementi come alleanze, votazioni, referendum, tradimenti permeano Vampire: The Eternal Struggle tcg molto più che le solite meccaniche di combattimento è questo è un indubbio punto di forza del gioco. Basti pensare alle carte politiche, che hanno funzioni esclusive di tal tipo. Ciò significa anche che di “un proprio turno”, nel comune senso che ha nei regolamenti dei tcg, si può parlare fino ad un certo punto e che strategie di medio e lungo termine necessitano di un lavoro tra e sui giocatori davvero costante. Una partita  a Vampire: The Eternal Struggle può durare da una mezz’ora a ben due ore! Ma di reali limiti di tempo non si può davvero parlare poiché sono le tipologie di mazzo schierate a definire i tempi di gioco. E’ un po’ come voler indicare un limite di tempo massimo per una partita di scacchi.

Sarà almeno chiaro, giunti a questo punto, che per valutare bene le potenzialità di un gioco che si costruisce più attorno ai giocatori in campo che alle carte migliori schierate si debba rimandare, alla lettura del regolamento Vampire: The Eternal Struggle completo per una conoscenza esaustiva su ciascuna delle fasi di gioco cui si è introdotto con la presente.

Vampire: The Eternal Struggle tcg: Riconoscimenti e curiosità

Vampire: The Eternal Struggle tcg risulta, giunti a questo punto della nostra recensione, essere un gioco di carte che sfugge ad un tentativo predefinito di descrivere il gioco prima del suo effettivo attuarsi. La commistione perfetta tra una cornice di gioco semplice e solida e l’importanza determinante degli svolgimenti di gioco definiti di volta in volta dai mazzi, dai giocatori e dal corso di gioco ne fa un trading card game sui generis. Indubbio punto di forza sta nell’abolire, in un certo senso, il castigo delle carte rare e potenti alla base di mazzi di gioco vincenti. Ecco perché per gli appassionati di questo bel gioco di carte collezionabili è importante conoscere le migliori tipologie di mazzo costruite dai campioni mondiali. Esse sono frutto della strategia di un uomo e non di carte introvabili. A tal proposito si segnala la lista di tutti i mazzi vincenti di vampire di tutti i tornei del mondo. Vista la passione per le idee dei giocatori per un buon game chi vuole cimentarsi in Vampire: The Eternal Struggle farebbe bene a consultare il forum ufficiale italiano sull’argomento dove, grazie agli esperti pareri della community VTES, potrà trovare utilissimi suggerimenti per migliorare il proprio stile di gioco. Infine, dal momento che una pecca del gioco per un gamer italiano è data dal contenuto quasi sempre in inglese di ciò che concerne il testo delle carte, si rinvia  alla seguente serie di post sul forum italiano destinati giocatori in erba: esaustivo sul contenuto delle espansioni, con bozze di strategie ed in italiano.

Saluti

Siamo giunti ai saluti. Vi ricordiamo che potete venire a visitare la nostra collezione di carte Vampire. Se siete di Milano e volete venire a trovarci in negozio ecco la mappa. Se volete lasciare commenti, suggerimenti, aneddoti o notizie interessanti sappiate che troveranno certo spazio sul nostro sito. Augurandoci il vostro gradimento per la recensione di Vampire: The Eternal Struggle tcg, vi diamo appuntamento a presto.